Home banking

 

home-banking

È facile sentire parlare o inciampare in articoli che descrivono vantaggi e requisiti dell’home banking, affiancata all’idea della gestione dei risparmi in completa libertà.

Sono ormai alcuni anni che ovunque si sente il termine home banking, è giusto dunque domandarsi cosa sia e come funzioni, per imparare ad usarlo e a conoscere tutti i suoi vantaggi.

 

 

Cos’è l’Home Banking

conto-corrente-online

Il termine home banking indica tutte quelle transazioni bancarie che si fanno usando dei terminali collegati ad internet ed anche alla rete telefonica.

Prima dire banca significava recarsi in un classico edificio nei giorni e negli orari stabiliti, per occuparsi di tutte le operazioni possibili da fare allo sportello, seguiti direttamente da un impiegato. Oggi la tecnologia permette anche altro. Il progresso infatti consente che un qualunque istituto di credito possa godere dei servizi virtuali. Così facendo, lo sportello bancario è il proprio personal computer da cui, usando una facile password, si accede ad una piattaforma che consente di fare un insieme di operazioni, ma anche transazioni e servizi, senza spostarsi da casa.

Ma quando è nato l’Home Banking? Secondo le informazioni che girano le prime operazioni bancarie fatte usando internet risalgono agli inizi degli anni ’80. Tuttavia solo nel 1990, grazie all’installazione delle prime connessioni internet, l’home banking ha cominciato lentamente a progredire, sino ad arrivare ad oggi dove attraverso l’accesso online al proprio conto corrente rappresenta l’asse portante dello scambio economico moderno.

Una delle prime banche ad uniformarsi è stata la Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde nel lontano 1995. Tuttavia fu coniato il termine di “telebanca” solo nel 1999, quando altre banche istituirono l’offerta dell’ home banking gratuito affinché potessero affluire molti più clienti.

 

L’utilizzo dell’internet banking

conto-corrente-home-banking

Ormai l’uso di internet è all’avanguardia e alla portata di tutti. Proprio perché è diventato il mezzo di oggi e del domani le funzioni dell’home banking hanno preso quota con molta facilità. Per accedere all’area riservata si viene a creare un sistema di autenticazione totalmente sicuro, definito in termini tecnici token, ossia un servizio in grado di generare dei pin utilizzabili una sola volta che consente il riconoscimento dell’utente.

È così quindi che il cliente della banca ha la possibilità di mettere in totale sicurezza tutti i risparmi e i propri depositi. Può inoltre fare acquisti di prodotti finanziari, acquisti di beni o servizi online e infine entrare in contatto con la banca senza spostarsi dal luogo in cui si trova.

 

Quali sono i vantaggi

mobile-banking

I vantaggi dell’home banking sono molteplici. Essi infatti consentono a chiunque di:

  • Riuscire a contare sulla propria banca 24 ore su 24;

  • Risparmia il tempo prima speso per andare nella filiale e compiere le operazioni correnti;

  • Avere l’agevolazione di disporre dei propri risparmi in qualsiasi momento e ovunque ci si trova;

  • Essere in grado di controllare online i dettagli del conto.

 

Tutti i servizi di internet banking includono anche l’opzione di alert che serve ad informare l’utente di tutti i movimenti effettuati sul conto corrente, così da non incorrere in accessi e disposizioni illegittime delle somme possedute.

È bene poi ricordare che grazie all’avvento delle home banking i vantaggi proposti al cliente sono davvero illimitati. esso infatti è utilizzabile dappertutto, pure se ci si reca all’estero, e in più non comporta costi di gestione del conto elevati, tant’ è che essi appaiono di gran lunga inferiori. Poi ovviamente è pratico e veloce.

Usarlo è semplice perché bassa una semplice connessione internet, che consente al servizio di essere usato sempre,  in qualsiasi momento e dappertutto.

La sua comodità sta anche nel fatto che non dovendo esserci per forza una sede fisica i costi di gestione “reali” vengono abbattuti a favore dei clienti, i quali sono invogliati ad usarlo perché ritenuto  molto più vantaggioso rispetto all’affidamento di una normale banca.

Il servizio dell’home banking è stato poi apprezzato anche per l’ottimo destreggiamento a favore di tutte quelle persone che lavorando durante gli orari di apertura delle banche trovavano una qualche difficoltà nell’allontanarsi dal posto di lavoro per gestire la proprio economia

I clienti delle banche online infine possono anche andare a gestire più account, tra cui i titoli dal medesimo sito web. Anzi la stessa piattaforma include anche sofisticati strumenti finanziari, tipo le quotazioni in borsa, l’insieme dei programmi di gestione e tutti gli avvisi relativi ai tassi d’interesse. Al giorno d'oggi quasi tutte le principali banche italiane hanno un proprio conto corrente online, i più utilizzati sono: Widiba, Hello Bank!, IngDirect conto corrente Arancio, Webank e YouBanking (per quest'ultimo potete approfondire su anee.it).

 

 

Gli "svantaggi" dell’Home Banking

internet-banking

Veri e propri svantaggi non esistono. Certo è che si considera il fatto di non avere a che fare più con l’impiegato come un risvolto negativo della medaglia, allora si forse è uno svantaggio. Ma diciamo che in linea di massima questo è l’aspetto negativo per ogni servizio online: la poca relazione sociale

Volendo poi citare le perplessità, sicuramente una di esse è legata ai dubbi sulla reale sicurezza. Comunque lo Stato cerca sempre di tutelare gli utenti, infatti  il Ministero degli esteri italiano insieme alla banca Unicredit e al canale Hbo, cercano continuamente di intensificare la tutela e la sicurezza dei risparmi dei clienti.